CLIENTI BONI

A Jesi, ma non solo, i clienti buoni sono quelli che pagano. Il pagamento ” tò e da cquà” purtroppo sembra un miraggio. Ma dal 1956 poco sembra cambiato, se sostituiamo l’arloggio con lo smartphone non è cambiato proprio nulla.

Per questo condividiamo con i nostri clienti questo sonetto stupendo di Lello Longhi per divagarci un po’

CLIENTI BONI

“Me fade ‘sto lavoro, principale?

Però ‘na cosa urgente, per piacere,

che sci non ciò l’arloggio ce sto male

me manga n’occhio, sa, fo ‘l feroviere.

 

Jer sera, come fo tutte le sere,

el voleo mette sott’al capezzale,

me sfugge … un chioppo! … drendo lo rinale.

Credo che se sia rotto el bilancere.

 

Ma m’arcomanno, pe’ stasera l’vojo,

po’ pago a to e dà cquà, io non fo cricco.”

Je l’fo, lo rviè a pià … ma fatto micco!

 

Che matto biango, gente, ‘n ce se crede.

“Pago domani, adè ‘n ciò ‘l portafojo”

E’ più de n’anno ‘ncora l’ho da vede!

 

Lello Longhi, 1956 – Da “Mistiganza Jesina (1979)

Posted in News, Tempo Libero.

admin